martedì 8 aprile 2008

Mutanda o perizoma? Questo è il problema...

Pubblico questo post in risposta polemicissima al post di Italian Psycho...

Qualcuno saprebbe cortesemente dirmi chi ha inventato la biancheria intima da uomo moderna? Secondo me è stata una donna incarognita dalla vita, che detesta gli uomini e forse anche un po’ parente di Hitler… seguace della razza Ariana… solo che al posto di sterminare gli ebrei ha deciso di sterminare i maschi. Donando loro le mutande. Allora, le donne si sfrangono l’esistenza coi tanga, ovvero una specie di triangolino di pezza con un filo interdentale che inesorabilmente va incastrato e inglobato fra le chiappe. Una figata. Costo di questa meraviglia: 780 euro. 20 di tanga e 760 di psichiatra. Già, perché loro, le donne, si rovinano l’esistenza passando le giornate a disincastrarsi quel cazzo di filetto dai loro glutei, anche in maniera nevrotica e piuttosto vistosa a volte…
Il massimo è la mia cara amica Mària, con l’accento sulla “a” e non sulla “i”. Lei va avanti a tanga e valium. Già perché lei non indossa normalissime mutande, solo micro tanga perizomati. “Eh, ma sotto un pantalone così aderente non posso mica mettere le mutande di mia nonna!? Ci vuole il tanga…”. Passi il pantalone aderente, ma per quella gonna viola che hai messo al matrimonio di tua cugina? “Era a vita molto bassa.”. Va bene, ma spiegami perché lo metti anche sotto la tuta! “Ma scusa, se mi chino per raccogliere qualcosa mi si appiattisce il pantalone al sedere e non posso mica far vedere tutto il segno sguercio delle mutandone! Ci vuole il tanga…”. E intanto diventa sempre più scema. Per non parlare del suo ex fidanzato che si nota che l’amava molto. Quando metteva i pantaloni che non hanno la vita bassa, ma sono proprio giro gnocca, lei ovviamente indossava un comodissimo tanga. E lui che faceva? Le faceva sparticulo e glielo tirava su fin sotto alle costole. “E’ così sexy vedere un tanga che esce fuori dal pantalone!”. E lei si faceva un sorso di gin tonic e buttava giù 4 pasticche di valium.
Care femmine dal cervello putrefatto, mettete le mutande! Usate la microfibra che non lascia segni e vi imploro… fate un falò con quei tanga! Che poi le donne dicono “Eh ma voi uomini mettete quei bracaloni là e state apposto sempre!”… tesoro, fatti dire due cose. Uno, tu non hai protuberanze indiscrete fra quelle tue gambine strette quindi anche se metti un paio di mutande scrause stai sempre comoda. Due, proprio perché abbiamo sto robo sul davanti non siamo mai apposto!
Ecco dunque che giungiamo al problema di cui parlavo prima. La biancheria intima maschile. Che di per se non sarebbe un problema, anche perché giustamente serve. Il vero problema è la scelta. Quale mi metto? Che cosa uso? Vado a caso? No! Bisogna fare una scelta ponderata. Beh, nei primi anni di vita metti il pannolone e sei apposto sempre, tanto chissene… poi vai alle elementari e non ti poni il problema perché tanto la tua mamma ti compra solo ed esclusivamente gli slip blu con fantasia di aeroplani fronte e retro. Quando poi arrivi alle medie cominciano i problemi. Perché cominciano le prime gare decimali coi propri genitali. E nello spogliatoio della piscina c’è sempre quell’ingrato che, appena vede la tua biancheria, punta quel ditino verrucoso contro di te e comincia a ridere. E la tua vita crolla di botto nel baratro. BUM. Morto. Grazie mille per i prossimi 25 anni dall’analista che condizioneranno ogni mia scelta. Auguri e felice prostatite precoce, viscido rettile senza midollo.
Scatta la caccia alla mutanda perfetta. Cominci con i commenti di tutti che sostengono che il boxer sia sensuale. Ok, mettiamo il boxer. E scopri con tuo grande stupore che il tuo amico Girolamo Cazzetti non sta su da solo, ma risente della forza di gravità. Già, perché l’amico pendulo si trasforma dentro quei boxer in un bel batacchio di campana. Din, don, din, don. Che bella cosa. Di una comodità infinita. Tu vai in giro per strada e ti scambiano per un maniaco, vista la frequenza con cui ti sistemi l’armamentario. Così passi al boxer aderente. Da tendone da circo a bustino per il culo. Si, perché i boxer aderenti non si chiamano così tanto per dargli un nome. Sono aderenti. Aderentissimi. Così aderenti che praticamente diventi una donna. Un piacere che va provato nella vita. Si sconsiglia l’uso con pantaloni a vita bassa o aderenti. Sperando che non coesistano questi due aggettivi nello stesso pantalone. Perché se porti quelli aderenti ti ritrovi il paletto centrale appiattito sulla vescica come un wurstel sottovuoto spinto, le boccette invece divorziano e si posizionano nelle tasche del pantalone stesso. Peccato però che faccia un male boia. Se invece indossi quelli a vita bassa devi fare attenzione a quando ti siedi per due motivi: uno, potrebbe sguillare fuori all’improvviso restando pendulo da un lato; due, se malauguratamente passa qualcuno che fa stiracchiare dal letargo il tuo carnoso randello, è inevitabile che si erga in tutta la sua postura e, vista la compressione dovuta al boxer, tutto il sangue si riversa solo sulla parte iniziale facendola schizzare fin sotto al mento. Allora mettiamo gli slip dei bambini. Che sono realmente comodi. Una vera manina protettiva che ti tiene su l’ambaradam che c’hai lì. Con l’unica fregatura che l’elastico girogamba è sempre molle. E si ritorna al balletto delle biglie, fai le estrazioni del Lotto tra le gambe. Così, preso dalla disperazione, togli tutto e le lasci all’aria aperta ciò che la natura disgraziatamente ti ha donato. E sono dolori veri. Quando metti il pantalone è una sorpresa la direzione calante che assumono le varie componenti dell’attrezzo. Un po’ di qua, un po’ di là, tutto da un lato… si accettano scommesse. Poi cammini per strada e ti si infila lungo una gamba e sembra che c’hai un’anguilla morta in tasca. Assolutamente adorabile da vedere. Meglio ancora se porti i pantaloncini corti che vedi pure la puntina far capolino dai risvolti. E quando la sera ti infili il pigiama avviene la vera liberazione. Libero e felice come una farfalla. Ti metti nel letto tutto allegro e quando ti rigiri… SPATASH! Tutto bello spiaccicato dal tuo dolce peso. È meraviglioso, non è vero!? Per non parlare dell'ultima moda del momento: il parigamba o culotte, come qualcuno (culattone) lo definisce con tenerezza. Questo incredibile ritrovato, ha la praticità della mutanda con le fattezze del boxer aderente. Forse abbiamo risolto il problema? Ma ovviamente no! Per il semplice motivo che gli ideatori sadici di biancheria tinteggiano questi parigamba di brutture al limite della sopportazione umana: quadri famosi irriconoscibili, animaletti sorridenti, fantasie floreali o per citare la nuova collezione di Intimissimi cipolle, clown sorridenti e tende da circo. Ma ti pare? Ok che il primo pensiero che mi viene guardando una mutanda è quello di farla togliere, ma santo cielo così mi viene voglia di prendere un lanciafiamme e bruciarle... senza nemmeno farle togliere... insomma, è controproducente produrre questi prodotti (quante PR che ho usato...)...
Allora io mi domando e dico: cosa accidenti ci mettiamo per coprire quel cetriolino con le olive snocciolate? La foglia di ficus benjamina? Magari dovremmo cominciare anche noi ad usare il tanga, così la nostra unica preoccupazione sarà quella di strapparci via i peli del culo mentre col mignolo suoniamo l’arpa. E che poi le donne non ci vengano a chiedere ancora la parità dei sessi!

13 commenti:

  1. boxer aderenti tutta la vita :D

    RispondiElimina
  2. ma... hai lasciato un commento prima che scrivessi il post!? come hai fatto?

    RispondiElimina
  3. Italian Psycho8 aprile 2008 13:54

    Ah ma io son d'accordo eh. Ah si!

    uddio potrei anche io fare un fenomenologia dell'underwear...vabbè dai, prima o poi la farò! ;)

    RispondiElimina
  4. @mr.g ma io sono troppo avanti che c'entra :D
    no la verità è che ho visto solo il titolo quando ho commentato e pensavo fosse una specie di sondaggio :D
    Lo avrai inviato per sbaglio prima di finire di scrivere...boh :D

    RispondiElimina
  5. Non è mai facile la scelta della mutanda.Da ragazzino in fase checca ho provato il perizoma ma...meglio i vecchi slip! In alternativa la libertà di stare senza mutante, così si fa anche prima!

    RispondiElimina
  6. Mamma se sei fuori! mai letto un reportage così sulla mutanda in vita mia!!! ;)
    Io non sono capace di fare ste robe..mi sa che chiudo il mio blog.. avrai l'onore di essere stato l'unico visitatore! una medaglia non da poco! ciao! Massi

    RispondiElimina
  7. Tutta questa polemica mi sembra pretestuosa. Gli argomenti addotti ancor di più.
    Insomma, per giustificare tutti 'sti problemi devi avere un paletto davveeeeeero grande, ma proprio taaaaanto grande. Io non so, dì un poì tu.

    RispondiElimina
  8. Mamma mia... quanti commentini tutti in una volta!!... mi emoziono...

    @Italian Psycho: Sono felicissimo di non essere l'unico fuori di testa a pensarla così! E attendo con trepidazione la tua fenomenologia...

    @Falcon: Sisisi... sei così avanti che se fossi un farmaco saresti la pillola del giorno dopo.

    @Luca: Perizoma?!?!

    @Massi: Lascia perdere quello che scrivo io e pensa a dare sfogo alla tua creatività. Sarò l'unico commentatore, ma facce sognà...

    @Lascar: Le dimensioni contano sempre. Anche in fatto di mutande. Ma il problema rimane a prescindere in quanto anche il pene medio (che ricordo essere salito a ben 15cm) ha bisogno del suo spazio vitale!

    RispondiElimina
  9. ghettoculturale9 aprile 2008 11:06

    Mutanda for ever, e for ever aderenti fino a farmi diventare cianotiche le parti intime.
    Per quanto riguarda le fantasie. più sono ORIDE più mi piacciono.

    Colgo l'occasione per comunicare al signor Falcon82 che se ha ancora intenzione di ignorare le mie richieste di amicizia su MAISPEISS sarò costretto a protestarlo presso la Direzione Altissima di questo blog, che sarà di sicuro dalla mia parte.


    Mr G: ma quindi devo evincere che anche tu sei solito dormire senza mutande? :)

    RispondiElimina
  10. @Ghettoculturale: sono sempre e comunque dalla tua parte, anche quando hai torto. Eeeeee... no... non hai evinto bene... dormo incelofanato e ben blindato...

    RispondiElimina
  11. Desperate Houseguy17 aprile 2008 00:33

    Io voto per boxerino aderente variopinto (zebrato, leopardato, con motivo floreale) o parigamba. Anche se sinceramente mi sta tornando la voglia dello slip...mi sa un non so ché di scecsy...il perizoma è abbastanza comodo, apparte l'inconveniente di stappare ogni tanto dal buco il nastro che si impiglia e magari il testicolo che sgattaiola via dall'alloggiamento.
    Dormo assolutamente senza mutande.
    Ma...mo mi chiedo...a chi interesseranno ste' cose che ho scritto?

    RispondiElimina
  12. ma io sono più pe gli slip

    RispondiElimina
  13. Magari puoi trovare sfizioso il mio blog...vedi chissà c'è qualcosa che magari può interessarti...

    http://yamamay.wordpress.com/

    Tanti Bacii!!!

    RispondiElimina